.
Annunci online

  Biologia [ un po' alternativa ]
         

ATTENZIONE, IL BLOG SI E'
TRASFERITO su http://biologiribelli.blogspot.com
Tuttavia la vecchia versione
rimarrà online, completa e funzionale,
anche se non verranno aggiornati i post.

"La scienza è una grande conquista dell'Umanità. Basta non prenderla troppo sul serio" Pietro Croce

Questo è il blog di una biologa un po' ribelle
dove si discutono vari argomenti quali scienze bio-mediche,
ambiente, ecologia, ecc. Lo scopo di questo blog, curato da diversi laureati in scienze bio-mediche, è dare voce a tutte le informazioni scientifiche che non sono oggetto di particolare simpatia da parte dei media o che semplicemente sono rimaste nell'ombra perchè travolte dai luoghi comuni e dai pregiudizi. L'approccio è rigorosamente scientifico ma il buon senso, l'intuito e la creatività non se ne vanno in ferie come accade purtroppo sempre più spesso nel mondo della scienza, ma vengono integrati: la mente non deve lavorare senza il cuore.

Image Hosted by ImageShack.us Blog Vegetariano BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Notizie da
AgireOra:

www.agireora.org

misterlink.net

ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale

Aumenta il Pagerank del tuo sito


  Scienza Segnalato da AndromedaNew


10 ottobre 2007

Ipocrisia ecologica

wildlife removal

Capita spesso che l'uomo uccida degli animali con la scusa che sono "troppi", che causino danni ecologici e rappresentino un fantomatico pericolo per la salute. In USA esistono delle ditte specializzate che prelevano gli animali indesiderati (opossum, armadilli, orsetti lavatori e persino gatti) dai giardini, dai sottotetti e da qualunque altro posto e li mettono nella camera a gas. Non ci credete? Scrivetemi in pvt e vi manderò i links (non voglio scriverli qui perchè aumenterei il loro page rank e non ne ho nessuna intenzione). Cosa fanno poi degli animali uccisi, li mangiano? (risparmiando la vita e la sofferenza a quelle povere mucche allevate intensivamente per la carne). macchè... li buttano via, li inceneriscono. I cacciatori affermano che se non ci fossero loro ad intervenire, tutto l'ecosistema andrebbe a rotoli. I pellicciai affermano che se non ci fossero le trappole per gli animali da pelliccia i boschi sarebbero sovrappoopolati e squilibrati. Dicono "prima di tutto l'ecologia e la salvaguardia del pianeta, bando ai sentimentalismi melensi degli animalisti, qui si tratta di un discorso ecologico e in ecologia sappiamo che la vita dell'individuo è solo un numero".
Poniamo per assurdo che abbiano ragione. La prima specie in assoluto che andrebbe contenuta e controllata per i motivi di cui sopra, dovrebbe essere quella umana. I primi animali da abbattere sarebbero gli umani. Questo, è moralmente inaccettabile, siamo d'accordo.   Ma non avevano detto che l'approccio ecologico non deve cedere a sentimentalismi? inutile mettere di mezzo Dio, religioni, credenze, opinioni... l'ecologia è l'ecologia, non ci piove sù!
Perchè dico questo? perchè sono arcistufa di sentirmi dire che un biologo non può dare spazio ai sentimentalismi quando si parla di ecologia e gestione delle popolazioni.   Credo che qualunque cosa facciamo all'individuo in qualche modo la facciamo a tutto il sistema. Uccidere non può essere considerato una "buona azione" secondo la nostra coscienza, e secondo me è sempre sbagliato. Sbagliato per chi? per la nostra anima umana prima di tutto e perchè non abbiamo il diritto di interferire con cose più grandi di noi ovvero il mistero della vita. Non sto dicendo che non abbiamo il "diritto" di difenderci se un animale ci attacca o attacca i nostri figli, non sto dicendo che non abbiamo il diritto di mangiare carne quando ne avvertiamo il bisogno (non me ne vogliano gli animalisti, io sono vegetariana perchè contraria agli allevamenti intensivi e alla generale mancanza di rispetto per gli animali allevati) ma che non abbiamo il diritto di decidere arbitrariamente della vita altrui sulla base di idee che ci siamo costruiti in merito alla natura e al suo funzionamento, idee che cambiano ogni 20 anni e che sono nulla a confronto dei complessi e sconosciuti meccanismi che regolano la vita... volerli dominare dimostra solo l'arroganza umana.
Chi ha avuto delle esperienze di pre-morte sa che cosa veramente conta nella vita, cosa davvero resta, è l'amore puro, quello disinteressato, è lo sguardo di un gattino salvato, oppure lo sguardo dell'orsetto lavatore condannato alla camera a gas,  che pesa nella coscenza come un macigno... , non le formule di ecologia, né le statistiche di popolazione... Dunque agli ecologisti ammazzaanimali e affetti dalla sindrome del salvatore dell' ecosistema dico: "se davvero vi sta a cuore il pianeta e l'equilibrio degli ecosisistemi e volete fare qualcosa di concreto, diventate vegetariani e smettete di mettere al mondo figli... altrochè wildlife removal..."



sfoglia     settembre        novembre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom