.
Annunci online

  Biologia [ un po' alternativa ]
         

ATTENZIONE, IL BLOG SI E'
TRASFERITO su http://biologiribelli.blogspot.com
Tuttavia la vecchia versione
rimarrà online, completa e funzionale,
anche se non verranno aggiornati i post.

"La scienza è una grande conquista dell'Umanità. Basta non prenderla troppo sul serio" Pietro Croce

Questo è il blog di una biologa un po' ribelle
dove si discutono vari argomenti quali scienze bio-mediche,
ambiente, ecologia, ecc. Lo scopo di questo blog, curato da diversi laureati in scienze bio-mediche, è dare voce a tutte le informazioni scientifiche che non sono oggetto di particolare simpatia da parte dei media o che semplicemente sono rimaste nell'ombra perchè travolte dai luoghi comuni e dai pregiudizi. L'approccio è rigorosamente scientifico ma il buon senso, l'intuito e la creatività non se ne vanno in ferie come accade purtroppo sempre più spesso nel mondo della scienza, ma vengono integrati: la mente non deve lavorare senza il cuore.

Image Hosted by ImageShack.us Blog Vegetariano BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

Notizie da
AgireOra:

www.agireora.org

misterlink.net

ItaliaPuntoNet - La tua pagina iniziale

Aumenta il Pagerank del tuo sito


  Scienza Segnalato da AndromedaNew


17 settembre 2007

Chi ha paura dello scorpione?

ATTENZIONE QUESTO BLOG SI E' TRASFERITO DEFINITIVAMENTE SU:
http://www.felinesoul.net
Aggiornate i vostri bookmarks, grazie per la pazienza! ;)

Femmina di uno scorpione con i
suoi piccoli.


In Italia vivono diverse specie di scorpioni tutti del genere Euscorpius e non pericolosi per l'uomo, nonostante possano pungerlo.
L’Euscorpius italicus è la specie più grande è può raggiungere i 50 mm di lunghezza. E’ di solito di colore nero ed è la specie più frequentemente ritrovabile in ambienti frequentati dall’uomo (case, legnaie, cantine). L’ Euscorpius flavicaudis è diffuso in prevalenza nel settore occidentale e tirrenico. E' una pecie di grandi dimensioni (dai 35 ai 45 mm) e predilige i luoghi umidi e i prati molto più della specie italicus, ma è possibile ritrovarlo in ruderi, sotto pietre e in manufatti umani.
Gli scorpioni italiani hanno scarsa o nulla aggressività nei confronti dell’uomo e un veleno quasi innocuo e dagli effetti comunque inferiori alla puntura di un imenottero (ape, vespa). Modesto dolore, modesto gonfiore solo per gli esemplari più grossi. Fanno eccezione, come per le punture degli imenotteri, i soggetti allergici al veleno di scorpione che possono reagire in modo sproporzionato ad un veleno di per se debole.
Sono animali  timidi e rigorosamente notturni; di notte, infatti , diventano molto attivi, esplorano il territorio accuratamente e sono decisamente vivaci.  Hanno bisogno di umidità e in ambienti troppo secchi non sopravvivono.
A dispetto di quanto li si dipinga aggressivi gli scorpioni non sono affatto desiderosi di pungere anzi, il fatto stesso di averli stanati, li terrorizza quasi fino a paralizzarli, e di solito si possono raccogliere senza problemi mentre mantengono una posizione contratta di difesa, con zampe raccolte contro il corpo e "coda" piegata minacciosamente sulla schiena (si possono anche prendere a mani nude afferrando tra due dita proprio la "coda", ma per non danneggiarli è più pratico usare una piccola scatola in cui farli cadere). Se poi uno scorpione vi cammina su una mano non pungerà mai il substrato su cui poggia le zampe per cui tranquilli!

Dunque, se vi imbattete in uno scorpione, niente crisi di panico, niente urli, nè morti o feriti... basterà allontanarli dall'abitazione, senza ucciderli. Ricordate inoltre che gli scorpioni sono degli abili predatori che vi libereranno dagli insetti "fastidiosi" (larve della farina, zanzare).

Spero quindi che qualcuno di voi sappia guardare con occhio amichevole e privo di pregiudizi questi fossili viventi che hanno visto nascere e scomparire i dinosauri!



sfoglia     agosto        ottobre
 







Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom